Storia

LA STORIA

Forte dei Marmi deriva il suo nome dall'unione dei due elementi che ne caratterizzano la storia: il Fortino, sito nel centro del paese ed i marmi delle Alpi Apuane, le cui vette distano appena 20 km dalla città.

Le origini di Forte dei Marmi si possono ricondurre alla costruzione e all'uso di un tracciato viario, la “Via di Marina”, che collegava l'entroterra con uno scalo marittimo posto sulla costa. Questo percorso, che sembra coincidere con quello della “Via del palude”, “Via Nuova” e “Via della Magona”, la cui costruzione fu seguita dal maestro scultore Donato Benti, collaboratore di Michelangelo Buonarroti, fu utilizzato in primis per il trasporto dei marmi e, secondariamente,  per il commercio del ferro che, infatti, giungeva via mare e veniva successivamente lavorato nelle ferriere versiliesi.

Il magazzino di muraglia alla Marina della Via Nuova fu realizzato nel 1629 e fu la prima costruzione in muratura di Forte dei Marmi. L'edificio, restaurato, si trova in Via Duca d'Aosta al n. 37.

Durante il governo mediceo si registrò un sensibile incremento nello sfruttamento delle cave di marmo: importanti maestri scultori, come Michelangelo e Giambologna, si recavano personalmente a selezionare i marmi da plasmare nelle loro opere e si avvalevano di maestranze locali.

Il 5 settembre 1765 fu eletto Granduca di Toscana Pietro Leopoldo d'Asburgo Lorena, all'epoca appena diciannovenne, che restò in carica fino al 1790. La sua politica fu attenta e lungimirante, volta all'ottimizzazione delle risorse, alla liberalizzazione di un gran numero di servizi pubblici e alla decongestione di una macchinosa e inefficiente burocrazia, tant'è che il Granduca stesso si recava personalmente a fare sopralluoghi e annotava riflessioni e idee per il miglioramento dei servizi.

L'inizio del processo di antropizzazione della fascia costiera fu facilitato dall'appoderamento della Macchia di Marina, che prevedeva, appunto, la divisione del territorio in poderi; ogni assegnatario avrebbe dovuto provvedere a destinare una parte del terreno alla semina e a lasciare intatta una fetta di zona boschiva.

Dopo aver ridotto la spesa militare, il Granduca decise di smantellare gran parte delle flotte militari marittime: con la sigla dei trattati di pace tra Arabi e Granducato, infatti, erano diminuite anche le incursioni piratesche.

Appariva, tuttavia, opportuno mantenere e rafforzare il sistema difensivo delle torri costiere, che correva lungo la riviera toscana, sotto il dominio pietrasantino. Questi presidi, infatti, pur non perdendo il proprio ruolo di difesa, divennero frontiera di controllo doganale e centro sanitario con il compito di controllare merci, uomini e animali introdotti nello Stato.

Le fortificazioni sul litorale pietrasantino erano a Cinquale e a Motrone, troppo distanti tra loro per permettere un'opportuna difesa e sorveglianza della costa; il luogo più frequentato per il commercio e in posizione strategica era lo Scalo dei Marmi.

Il 23 dicembre 1785 fu, pertanto, ordinato al Segretario delle Reali Fabbriche di procedere al “riattamento” del Motrone, all'edificazione di una nuova torre al Cinquale (dopo l'abbattimento della vecchia) e alla costruzione di un nuovo Forte allo Scalo dei Marmi.

Il progetto di costruzione del Forte allo Scalo dei Marmi del 1785, realizzato dal Governatore di Livorno e Generale Maggiore di tutte le Piazze, Guarnigioni e Presidi del Granducato Federigo Barbolani, prevedeva al piano terra il magazzino della dogana, la stanza per le persone in contumacia, la scuderia e la stanza per riporre i foraggi; al primo piano c'era l'alloggio del castellano e della guardia della dogana e, al piano superiore, la caserma, la cucina, la stanza per il cannoniere, S. Barbera, una piattaforma coperta per le batterie e una batteria scoperta.

Il 6 febbraio 1788, terminati i lavori di costruzione, il Fortino dello Scalo dei Marmi fu ricevuto in consegna dal tenente castellano Nicola Leonetti.

Il Forte dei Marmi, costruito in linea con le esigenze dell'epoca, presentava una compatta struttura multifunzionale, composta da un ampio edificio retrostante al bastione dagli angoli smussati verso il mare e offriva buoni requisiti a livello militare, doganale e sanitario.

Alcune differenze erano riscontrabili tra il progetto iniziale e il manufatto finale, tra cui l'assenza dell'ufficio doganale.

Nel XIX secolo, lo scalo di Forte dei Marmi diventò nevralgico in tutta la Versilia, per cui si rese presto necessario restaurare la Via di Marina. Questo intervento permise un incremento del traffico commerciale sia d'importazione di cereali e di altri generi alimentari, sia di esportazione delle risorse del ricco territorio, quali marmi, olio, ferro, zolfo e salnitro. Per questo motivo lo scalo fortemarmino divenne via via più frequentato e un numero maggiore di persone iniziò a prendere fissa dimora nel territorio adiacente: si stima, infatti, che trecento abitanti si stabilirono a Forte dei Marmi tra il 1821 e il 1822, perlopiù impiegati nella marineria.

A partire dagli anni Venti dell'Ottocento, furono concessi terreni con la facoltà di costruire nelle vicinanze del Forte magazzini e case, destinate anche ad accogliere i bagnanti estivi, nobili toscani che si recavano sulla costa per le “bagnature”. Furono stabilite condizioni e patti, quali limiti d'altezza “a riguardo del Forte” e il termine di un anno per l'edificazione dei fabbricati, salvo proroghe da concedere solo in particolari condizioni. Tra i primi costruttori sono ricordati i fratelli Francesco e Giuseppe Tonini, “Navicellai” di mestiere, occupati presso la Compagnia dei Cannonieri Guardia Costa.

Prospiciente al fortilizio, fu riservata un'area lato monte che costituì “la piazza del Forte”; ivi, ancora oggi, è possibile ammirare, protetta da una lastra di vetro, la pavimentazione dell'antico forno del Fortino.

Nel 1830 fu terminata la costruzione del Deposito delle Polveri a circa 60 metri dal Forte. L'edificazione di questo tipo di edificio generò non poche preoccupazioni negli abitanti del territorio, circa ottocento, che temevano la possibilità di un incendio o di un'esplosione in una zona che contava numerose abitazioni.

Con la conquista dell'Unità d'Italia avvenuta nel 1861, il Fortino e la polveriera passarono dalla dipendenza del Ministero della Guerra a quella del Ministero delle Finanze.

L'anno successivo fu istituito il Corpo delle Guardie Doganali con il compito primario di vigilanza doganale e, in caso di guerra, di concorso alla difesa statale.

Nel 1866, a seguito del riordinamento del servizio sanitario marittimo istituito con Regio Decreto, Forte dei Marmi fu classificato come scalo di seconda classe, atto a rilasciare patenti di sanità per varie destinazioni e permessi sanitari di cabotaggio.

In un documento conservato nell'archivio comunale di Pietrasanta, viene mostrata la statistica dei bastimenti arrivati e partiti dalla spiaggia dello Scalo dei marmi in un solo trimestre nell’anno 1870: ben 167 arrivi e 116 partenze, di cui 5 per l'estero.

Nel 1877 fu terminata la costruzione del punto di imbarco per i blocchi di marmo, il Pontile caricatore, largo 5 metri e protratto in mare 325 m, sorto su robusti pali di legno.

Nel 1881 il Corpo delle Guardie Doganali assunse il titolo di Corpo della Regia Guardia di Finanza; il suo importante compito era impedire e denunciare il contrabbando e le altre trasgressioni alle leggi finanziarie. La sede della Caserma della Finanza a Forte dei Marmi fu per alcuni decenni il Fortino, che subì alcuni rimaneggiamenti soprattutto nella parte superiore del tetto.

Forti aspirazioni autonomistiche animavano intanto il paese alla fine del primo decennio del Novecento. Il 1914 fu l'anno della grande svolta: a seguito della proposta presentata in Parlamento dall'Onorevole Giovanni Montauti, con la legge n. 327 del 26 aprile, infatti, si sanzionò il distacco della frazione fortemarmina dal Comune di Pietrasanta e l'istituzione dell'autonomo Comune di Forte dei Marmi. Nello stemma fu inserito il Fortino come simbolo della comunità.

La vocazione turistica di Forte dei Marmi, già emersa nell'Ottocento, divenne sempre più forte, tanto da farle guadagnare una posizione nella rosa delle migliori stazioni balneari del Mediterraneo. Oltre a turisti, un nutrito gruppo di esponenti del mondo culturale e artistico, della nobiltà, della politica e dell'economia scelsero Forte dei Marmi come meta dei loro soggiorni. In questo clima, la città divenne ben presto un importante punto di riferimento nazionale e internazionale. Negli anni Venti Dazzi, Carrà, Carena, Soffici, Gentile, Pea e Viani si ritrovarono qui nelle sere estive. Nel decennio successivo gli artisti scelsero il Quarto Platano, oggi Caffè Roma, a pochi passi dal Fortino, per i loro incontri.

 Nel 1928 la Caserma della Finanza lasciò posto al Palazzo Littorio. Il Fortino subì alcune modifiche, tra le quali una diversa strutturazione del tetto, un complessivo innalzamento dell'edificio e l'inserimento di balconi, uno nella parte anteriore e due all'ingresso dell'edificio.

Durante il secondo conflitto mondiale, il Fortino fu parzialmente danneggiato dai bombardamenti. Alla fine della guerra, lo stesso fu occupato dal Comitato di Liberazione Nazionale e trasformato nel “Palazzo del Popolo”. I lavori di ristrutturazione – necessari alla riparazione del danno estetico subito e finalizzati alla sua destinazione ad uso pubblico – furono terminati il 30 novembre 1946. Nel 1945 e nel 1946 i 17 vani erano stati occupati da sfollati e via via affittati a enti ed associazioni.

Nel 1957 il Fortino divenne Ufficio Postale.

L'anno successivo, dopo la distruzione del Pontile caricatore in legno avvenuta durante la seconda guerra mondiale, fu completata la costruzione del nuovo Pontile in muratura: con i suoi 232 metri di lunghezza è oggi immancabile meta per passeggiate e consente l'acquisizione di un nuovo punto di vista sulla distesa marina, sulla città e sulle vette delle Apuane.

Nel 1997 il Museo della Satira e della Caricatura trovò collocazione al secondo piano del Fortino e nel 1998, a seguito di un atto di permuta con l’amministrazione delle Poste Italiane , il Fortino diviene proprietà del Comune di Forte dei Marmi che lo destina, dopo una profonda ristrutturazione, a sede espositiva.

HISTORY

Forte dei Marmi takes its name from the union of two important elements: the Fortino, a small fortress in the centre of the town and the marbles of the Apuan Alps only 20 km faraway from the seaside.

The origins of Forte dei Marmi are ascribed to the construction and use of a route” Via dei Marmi”, also named “Via della Palude”, “Via Nuova” and “Via della Magona”, which connected the hinterland with the seaport; it was traced by Donato Benti, Magister Sculptor and collaborator of Michelangelo Buonarroti and it was used for marble transport and for the commerce of iron. Iron arrived to Versilia by sea and was then worked in the ironworks.

The “Magazzino di muraglia alla Marina della Via Nuova” was realized in 1629 and it was the first brickwork building in Forte dei Marmi, it lies in Via Duca d'Aosta.

During the Medicean government there was a slight increase in the exploitation of the marble quarries; many important artists such as Michelangelo and Giambologna selected in person the blocks of marbles for their masterpieces and they were helped by local workers.

In September 1765, at the age of 19, Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena was elected Grand Duke of Tuscany; he reigned till 1790.

He pursued a prudent policy directed to improve the public services and to renovate the bureaucratic machine.

The anthropomorphization of the coast wasn't difficult thanks to the division in small fields to grow; each farmer had to earmark a part of the assigned area for seeding and the other one had to be left at natural pine wood.

Thanks to the peace treaties between the Arabs and the Grand Duchy, Leopoldo reduced the military spending but decided to keep the defending towers along the Tuscan coast and which were under the control of Pietrasanta. These towers maintained their defending function and took up the role of check point to enter the State.

The fortifications in Cinquale and Motrone were too distant one from another to cover all the coast therefore the Scalo dei Marmi became the center of commerce; in 1785 a new tower was built there.

The Governor of Livorno and General of the Grand Duchy Squares, Garrison and Defence, Federigo Barbolani realized the project of the fortress at the Scalo dei Marmi. The project placed at the ground floor the custom duty storehouse, the stable, the provender room and the contumacy room. At the first floor there was the custodian’s rooms and the Guard Duty's room; at the top floor the there was the weapon room, the kitchen and the embrasure’s room, S.Barbara.

In  February 1788 the Fortress of the “Scalo dei Marmi” was inaugurated by Lieutenant Nicola Leonetti.

The fortress of Forte dei Marmi presented a functional structure, typical of the period, with a wide bastion and it offered a good military protection, it became also custom and health centre.

The final result was different from the first project of the tower.

In the 19th century, the seaport of Forte dei Marmi became a critical point in Versilia, so it was necessary to restore the Seashore Route.

This intervention allowed an increase of the commerce both import of grain an groceries and exportation of the local resources like: marble, oil, iron, sulphur and saltpetre.

Starting from the early 19th century the number of inhabitants increased and the Tuscan aristocracy built houses to spend their holidays. A strict planning was established in order to regulate the building of new houses.

The first builders were the brothers Francesco and Giuseppe Tonini, experts “navicellai” who worked at the Compagnia dei Cannonieri Guardia Costa.

The area around the fortress was kept free and still today it’s the central square of the town.

Here you can see the ancient basis of the Fortino furnace.

In 1830, a larger powder keg was built near the Fortino; the inhabitants were worried by an eventual explosion.

With the Italian Unification in 1861, the Fortress and the gunpowder keg were left with the Ministry of the war and finance.

In 1862 the Guard Duty Unit was born with the role of custom duty protector and defence for an possible war.

In 1866, Forte dei Marmi was declared second class seaport by a Royal decree, allowed to issue health licenses for coastal navigation.

A document discovered in the Pietrasanta archive reports numbers figures about cargo ships arrivals and departures of the seaport in Forte dei Marmi: in a trimester of 1870, 167 arrivals and 116 departures, whereof 5 for foreign countries.

In 1877 the pier was completed; it was 5 metres wide and 325 long and it was used for marble transport.

In 1881 the Corps of the Guard Duty became the Corps of Royal Guard Finance; its task was to prevent and fight contraband and financial crimes. At the beginning of 20th century, following the strong aspiration for autonomy, Forte dei Marmi left the Municipality of Pietrasanta and became independent in 1914 The Fortino became the emblem of Forte dei Marmi  

Intellectuals, artists and aristocrats made Forte dei Marmi an important cultural centre: during their holidays they met at the Caffè Quarto Platano, now Caffè Roma, near the Fortino.

In 1928 the fortress became the Lictorial Palace. The building was elevated and renovated.

During the II World War, Fortino was bombarded and then restored in 1946. At the end of the war it was occupied by the National Liberation Committee, which declared it People’s Palace. In 1957 the Palace became the Post Office of Forte dei Marmi.

The following year, the construction of the new stone pier was completed. The old wooden one was destroyed during the war.

Nowadays the pier is a tourist attraction where to walk and from which to admire the wonderful view of the Apuan Alps.

In 1997 the second floor of the Fortino became the seat of the Museum of Satire and Caricature of Forte dei Marmi.

In 1998 the Fortino became property of the Municipality of Forte dei Marmi and it was restored. Today it is an exhibition centre.

Dominio fiorentino in stampa seicentesca di Joannes Jansonius. (Archivio storico comunale di Pietrasanta).

Michelangelo, ritratto di Antonio Puccinelli. Anno 1860.

 

Cave (cartolina storica).

Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena (1747 – 1792), ritratto giovanile. (Archivio storico comunale di Pietrasanta).

Progetto del Forte allo Scalo dei Marmi. Anno 1785. (Archivio di Stato di Firenze).

Fortino inizi ‘900 (cartolina storica).

La “Mancina” (cartolina storica).

La Gazzetta Ufficiale e la nascita del Comune di Forte dei Marmi. Anno 1914.