Itinerari in bici

Itinerario 1

Forte dei Marmi – Marina di Pietrasanta – Lido di Camaiore - Villa Borbone di Viareggio – Villa Puccini di Torre del Lago

Partendo dal Pontile di Forte dei Marmi, si procede sulla pista ciclabile verso sud; alla nostra sinistra si possono ammirare le ville e le strutture alberghiere, a destra gli stabilimenti balneari ed i prestigiosi locali, come “La Capannina” di Franceschi.

Giunti a Marina di Pietrasanta, si attraversa Fiumetto, il centro del Tonfano con il suo Pontile e Focette, che ospita il celebre locale “La Bussola”.

Si prosegue quindi per Lido di Camaiore, fermandosi ad ammirare il panorama dal Pontile.

Dopo circa 11,5 km dalla partenza, si raggiunge Viareggio ove si segnalano i bellissimi edifici in stile liberty che costeggiano a destra e a sinistra la pista ciclabile “Franco Coppi”.

All'altezza del canale Burlamacca, la strada svolta obbligatoriamente a sinistra; si mantiene la destra e, giunti al semaforo all'altezza del “ponte girante”, si svolta a destra verso Torre del Lago.

Al primo semaforo si prosegue dritto e, al bivio, si va a destra per imboccare il Viale dei Tigli, un rettilineo alberato di 4,8 km.

A circa metà strada tra Viareggio e Torre del Lago sorge Villa Borbone, fra i luoghi storici più affascinanti di Viareggio. L'edificio, immerso nella macchia lucchese del Parco Naturale di Migliarino – S. Rossore – Massaciuccoli, fu costruito nel 1822 come casino di caccia a corredo del parco che la duchessa di Lucca, Maria Luisa di Borbone, aveva fatto progettare dall'architetto Lorenzo Nottolini.

Dopo aver visitato la villa e il parco, si procede lungo il Viale dei Tigli in direzione Torre del Lago.

Giunti al semaforo in fondo al viale alberato, si svolta a sinistra su Viale Guglielmo Marconi e quindi si prosegue dritto, verso i monti, attraversando il centro del paese e il sottopassaggio ferroviario.

Al semaforo all'incrocio con Via Aurelia Sud ancora a dritto fino a raggiungere l'isola pedonale in prossimità della Villa Museo Giacomo Puccini, al cui interno riposa la salma del celebre compositore. Terminata la visita, si consiglia di concedersi una pausa per restare incantati dal panorama del lago che si affaccia innanzi a noi.

Durante i mesi estivi è inoltre possibile assistere alle opere liriche messe in scena sul palco del teatro del Festival Puccini.

Il ritorno avviene seguendo il medesimo percorso.

ITINERARY 1

FORTE DEI MARMI – MARINA DI PIETRASANTA-LIDO DI CAMAIOREE- VILLA BORBONE in VIAREGGIO – VILLA PUCCINI in TORRE DEL LAGO

Starting from the pier of Forte dei Marmi, take the bike path towards south, on the left you meet the bathing establishments, fashionable cafes and restaurants and the night-club “ La Capannina”.

Arrived in Marina di Pietrasanta, go through Fiumetto, the centre of Tonfano and its panoramic pier and go on till Focette, where there is the famous night-club “ La Bussola”.

Follow the road signs to Lido di Camaiore and, from the pier, ride for about 11,5 km to Viareggio. Gorgeous buildings line the bike path “ F. Coppi”. When you arrive at the canal “ Burlamacca”, turn left and keep the right side; at the traffic light, near the revolving bridge, turn right toward Torre del Lago.

At the first traffic light, go straight and at the crossroad, turn right and take Viale dei Tigli. Halfway between Viareggio and Torre del Lago, in the area of the National Park of Migliarino, you find Villa Borbone, which was built in 1822 as hunting palace for Maria Luisa di Borbone. After a visit at the villa and the park, go on along Viale dei Tigli till Torre del Lago. At the end of the boulevard, turn left and take Viale Guglielmo Marconi. Go straight, cross the town centre and the rail underpass.

At the crossroad with Via Aurelia Sud, go straight up to the pedestrian area near the home-museum of Giacomo Puccini. The remains of the composer rest inside the museum.

You can also enjoy a visit at the lake, which offers a spectacular landscape.

During the summer, the Festival Puccini Theatre offers a rich playbill of opera performances.

Follow the same route to go back.

 

 

 

Foto_3.jpg

Villa Puccini, Torre del Lago

Itinerario 2

Forte dei Marmi – Monteggiori (Camaiore)– La Culla – Sant'Anna di Stazzema - Valdicastello – Pietrasanta – La Versiliana

Dal Pontile di Forte dei Marmi ci si dirige verso Viareggio.

Appena giunti a Lido di Camaiore, in prossimità dell'Hotel Villa Ariston, al semaforo si svolta a sinistra, imboccando Viale John Kennedy. Si prosegue quindi a dritto fino alla rotonda, scegliendo la seconda uscita a destra in Via Aurelia. Dopo aver costeggiato l'ospedale unico Versilia, al semaforo si svolta a destra, imboccando Via Arginvecchio, che si percorre per circa 3 km verso le montagne fino all'incrocio con Via Sarzanese in località Capezzano Pianore. Alla rotonda si esce nella seconda strada a destra e si inizia a salire verso Monteggiori.

Seguendo la strada principale in Via Balza Fiorita, si raggiungono i piedi della rocca di Monteggiori, sulle pendici del Monte Gabberi. Il paese, il cui nome significa “piccolo monte”, ha mantenuto intatte le sue originarie caratteristiche di villaggio fortificato medioevale; il castello, attestato per la prima volta nel 1224, si estendeva sulla sommità della collina, in corrispondenza dell'attuale abitato, attraversato da viuzze lastricate convergenti verso la cinta muraria della rocca, oggi non visitabile in quanto proprietà privata.

Dopo una passeggiata nelle viuzze del borgo, si prosegue l'itinerario verso La Culla, imboccando e percorrendo Via Don Giuseppe Vangelisti.

La frazione di La Culla, sita a circa 450 m di altezza sul mare, è una splendida terrazza per ammirare da una parte il centro storico camaiorese e dall'altra la costa compresa tra Livorno e Forte dei Marmi. Guardando con attenzione, nelle giornate più limpide, è possibile notare anche l'Isola d'Elba, la Gorgona, la Capraia e la Corsica.

Dopo aver ammirato il panorama, si continua a salire percorrendo Via Duilio Pieri, si svolta in Via Crucis e si raggiunge Sant'Anna di Stazzema, paese tristemente conosciuto per l'eccidio operato dalle SS ai danni degli abitanti il 12 agosto 1944. Sant'Anna di Stazzema è oggi sede del Parco Nazionale della Pace, istituito nel dicembre 2000 con l’obiettivo di mantenere viva la memoria storica dei tragici eventi dell’estate del 1944 ed educare le nuove generazioni ai valori della pace, della giustizia, della collaborazione e del rispetto fra i popoli.

Il Parco Nazionale della Pace si estende sul territorio collinare circostante il paese, concentrandosi nell’area sacrale che, dalla piazza della chiesa e dal Museo Storico della Resistenza, giunge al Col di Cava, su cui è posto il Monumento Ossario. 

Dopo la visita, si percorre l’itinerario a ritroso fino a giungere, dopo aver superato Monteggiori, alla rotonda con Via Sarzanese.

Se si desidera tornare al punto di partenza, si può seguire il percorso dell’andata.

In alternativa, per visitare anche Valdicastello, Pietrasanta e La Versiliana, si procede scegliendo la prima uscita a destra verso Pietrasanta.

Dopo circa 1,5 km si svolta a destra verso Valdicastello, distante circa 1 km.

È qui possibile visitare la casa che, nel 1835, diede i natali a Giosuè Carducci, vincitore nel 1907 del premio nobel per la letteratura.

Tornando indietro per la stessa strada percorsa all’andata, merita una visita la pieve romanica del paese, dedicata ai Santi Giovanni e Felicita.

Al termine della discesa, si svolta a destra in Via Sarzanese, per dirigersi verso la prossima tappa dell'itinerario: Pietrasanta, chiamata anche “la piccola Atene”, scelta da numerosi artisti e letterati quale seconda casa.

Ci si mantiene, quindi, sulla Via Sarzanese e si svolta a sinistra in Via Sauro, proseguendo dritto fino a Piazza Carducci, sulla sinistra. Questo punto conviene parcheggiare la bicicletta nelle vicinanze e proseguire a piedi verso il centro di Pietrasanta.

In Piazza Carducci si possono ammirare la Rocchetta Arrighina e la Porta a Pisa. Entrando nella rinascimentale Piazza Duomo, che prende il nome dal Duomo di S. Martino collocato nella parte centrale del largo, da vedere, tra i numerosi monumenti, la Colonna del Marzocco, la Fonte del Marzocco, il Monumento a Leopoldo II e il teatro comunale.

Dopo aver visitato le piazze e le vie del centro, si riprende la bicicletta e si percorrere Via Sauro a ritroso, svoltando a destra all'incrocio con Via Vincenzo Santini e poi ancora a destra in Via del Castagno e in Via Aurelia.

Dopo poche centinaia di metri, girando a sinistra, si imbocca Viale Apua e si prosegue verso il viale a mare per raggiungere Marina di Pietrasanta (circa 3 km).

Nelle immediate vicinanze dell'incrocio con Viale Morin, si costeggia la Versiliana, parte residuale dell'antico bosco della Macchia di Marina. Svoltando a destra su Viale Morin, si trova la celebre villa costruita nel 1886 e gli edifici annessi, oggi sedi della Fondazione La Versiliana, che ivi organizza ogni estate un ricco programma di spettacoli. Nel parco adiacente alla villa, Gabriele d'Annunzio fu ispirato per “La pioggia nel pineto” (1902).

Dopo la visita della villa ed una passeggiata sotto i pini secolari, si prosegue lungo Viale Morin fino a raggiungere il centro di Forte dei Marmi.

Itinerary 2

 

Forte dei Marmi – Monteggiori (Camaiore) – La Culla – Sant'Anna di Stazzema – Valdicastello – Pietrasanta – La Versiliana

Starting from the Pier of Forte dei Marmi, before arriving to Viareggio, stop at Lido di Camaiore, near Hotel Villa Ariston and at the traffic light turn left to Viale John Kennedy.

Go ahead up to the roundabout and take the second exit to Via Aurelia. Cross the Versilia Hospital and at the traffic light turn right to Via Arginvecchio.

Go straight for 3 kilometres up to the crossroad with Via Sarzanese (Capezzano Pianore). At the roundabout take the second exit and go on up to Monteggiori. Keep the main street Via Balza Fiorita up to the rock of Monteggiori, on the top of the Monte Gabberi.

The name Monteggiori means “small mountain” and the village has kept its medieval origins. The castle, of which proof of existence is about 1224, was extended above the top of the hill; it took up the area where now there is the residential zone and it was characterized by stone alleys which converged at the town walls.

After visiting Monteggiori go on up to La Culla, taking Via Don Giuseppe Vangelisti.

La Culla, 450 metres height above mean sea level, is a wonderful natural terrace to enjoy an enchanted view over Camaiore and the sea coast from Livorno to Forte dei Marmi. When the wheatear is clear it is possible to see Elba Island, Gorgona, Capraia and Corsica.

Continue to get in to the hill taking Via Duillio Pieri. Turn to Via Crucis and go on up to Sant’Anna di Stazzema, village bitterly known for the people massacre by SS on 12th August 1944. Nowadays Sant’Anna di Stazzema is seat of the National Peace Park; it was born in 2000 to get live the memory of what happened in the summer of 1944 and to educate the new generation to the values of peace, justice, cooperation and respect between peoples of the world.

The park  is on the hill territory around the village; there is a sacred area which extends from the church square and the Resitence Museum up to the Col di Cava, where there is the Charnel House Monument.

Come back to the roundabout in Via Sarzanese, crossing Monteggiori another time.

If you want to come back to the Pier of Forte dei Marmi the way is the same.

As an alternative, you could visit Valdicastello, Pietrasanta and La Versiliana. Coming back from Monteggiori, at the round about of Via Sarzanese take the first exit to Pietrasanta.

After 1,5 km turn to the right and go on for 1 km up to Valdicastello.

There, you could find the home of Giosuè Carducci (1835 – 1907), famous Italian poet who won the Nobel Prize in Literature. You can see also the Church of SS. Giovanni and Felicita.

At this point, come back and turn to the right onto Via Sarzanese to arrive at the second step of the itinerary: Pietrasanta, known also as “small Athens” and residence of many artists.

Keep the main street Via Sarzanese and turn to the left onto Via Sauro. When you arrive at Piazza Carducci, you can park the bike and go walk to Pietrasanta centre.

In Piazza Carducci you could see Rocchetta Arrighina and Porta a Pisa. Going into Piazza Duomo, which its name derives from S. Martino Duomo, you could see many monuments: Colonna del Marzocco, Fonte del Marzocco, the monument of Leopoldo II and the Municipal Theatre.

After visiting the centre of Pietrasanta, take the bike and come back to Via Sauro. Turn right at the crossroad at Via Vincenzo Santini. There turn right onto Via del Castagno and then onto Via Aurelia.

Take Viale Apua up to the seafront road in Marina di Pietrasanta (about 3 km ).

When you arrive at Marina di Pietrasanta, near the crossroad with Viale Morin, there is the famous park of “La Versiliana”, a typical example of maritime scrub. Turn right on Viale Morin, there is the famous villa “La Versiliana”, built in 1886 and nowadays seat of La Versiliana Foundation. The poet Gabriele D’Annunzio was inspired by the pinewood park to write his poem “La pioggia nel pineto” (1902). Come back onto Viale Morino up to the centre of Forte dei Marmi.

 Foto_1.png

 Monumento Ossario, S. Anna di Stazzema

Foto_5.png

 

La Versiliana, Marina di Pietrasanta.

 

 

 

Itinerario 3

Pontile - Pruno

Partendo dal Pontile, ci dirigiamo verso il Fortino ed attraversiamo il centro storico.

Proseguendo sulla strada principale fino alla rotonda all'inizio dell'abitato, si seguono le indicazioni per Seravezza, scegliendo la terza uscita e poi si svolta subito a destra per sormontare il cavalcavia che precede la frazione di Ripa.

Dopo aver superato Corvaia, si arriva a Seravezza. La città, incastonata come una gemma nelle rocce imponenti delle sue alte montagne, è celebre per il Palazzo Mediceo, terminato nel 1565, recentemente dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco.

La strada si dipana in una serie di falsipiani e, attraverso Ruosina, si giunge al bivio per Pontestazzemese.

A questo punto si mantiene la destra seguendo le indicazioni. Con una leggera salita si giunge a Cardoso e, appena dopo il tornante della chiesa, si percorre la salita per Pruno, lunga circa 3 km.

Arrivati a destinazione, si può ammirare il verde panorama ai piedi dei monti Pania e Forato e visitare la Chiesa di San Niccolò, risalente all'XI sec. d. C.

Poco distanti dal paese si trovano il Mulino del Frate e la cascata dell'Acqua Pendente, visibile anche dal cimitero del borgo. Nei pressi del mulino è presente un ponte romanico, recentemente restaurato.

Il ritorno avviene seguendo il medesimo percorso.

 

Itinerary 3

 

Pontile – Pruno

 

Starting from the pier of Forte dei Marmi, go on across the town centre and overstep the Fortino.

Go ahead up to the roundabout and follow the direction signs to Seravezza at the third exit.

Turn right and take the flyover near Ripa.

After passing Corvaia, there is Seravezza. The town, similar a precious stone in the mouintain, is famous for the Medicean Palace, built in 1565, nowadays UNESCO world heritage site.

After arriving to Seravezza the route presents numerous slight slopes. Overstep Ruosina and arrive to the crossroad to Pontestazzemese.

Stay on the right hand side and after passing the centre of Pontestazzemese, turn left at the crossroad to Pruno.

Cross the village of Cardoso and go on for 3 km. When you arrive at Pruno you could admire a wonderful panorama at the foot of Monte Pania and Monte Forato and you could visit the San Nicolò Church, which can be dated back to XI d.C.

Very near the village there are the ancient mill “Mulino del Frate” and the small waterfall “Acqua Pendente”, both visible from the village. Near the mill there is a romanic bridge, current restored.

The way to come back is the same.

Itinerario 4

Pontile - Sarzana, Fosdinovo, Massa e Carrara

Partendo dal Pontile, si percorre la pista ciclabile verso nord fino a toccare le località Cinquale, Poveromo e Ronchi, superando anche la segnaletica che evidenzia il 44° parallelo e, quindi, fino al centro di Marina di Massa.

Dopo circa 700 metri, si svolta a destra alla rotonda, e poi a sinistra all’altra rotonda.

Dopo aver attraversato gli abitati di Bondano e Partaccia, giunti ad una biforcazione, tenendo sulla sinistra il mare e il porto di Marina di Carrara, si prosegue per La Spezia.

Superato il cartello che indica la fine della provincia di Massa e Carrara, attraversata Marinella di Sarzana, alla rotonda si svolta a destra in direzione Sarzana, che raggiungeremo dopo circa 7 km.

Alle due rotonde, si segue l'indicazione per il centro.

Appena prima della porta d'ingresso al centro storico di Sarzana, si svolta a destra per Fosdinovo, poi ancora a destra in Via Bradia.

Dopo circa 200 metri si va sinistra e, allo stop, posto a circa 50 metri, a destra.

Ci aspettano adesso circa 2,8 km di leggera salita per raggiungere un bivio: entrambe le strade si ricongiungono per Carrara, ma quella a sinistra per Canepari è più agevole.

Scegliendo la salita a sinistra, si raggiunge dopo circa 4 km Carignano e dopo altri 2 km Canepari.

Si prosegue per Fosdinovo Carrara e, poco prima di Fosdinovo, si svolta a sinistra per Carrara e Massa.

Fosdinovo è famosa per il castello Malaspina, risalente alla seconda metà del XII secolo, oggi museo, centro culturale dedicato alla produzione e alla diffusione delle arti contemporanee, residenza per artisti e scrittori. Attraverso l’elegante porticato rinascimentale con colonne in pietra, si accede alle sale del Castello, arredate ed affrescate alla fine del 1800. Tra le sale, particolarmente importante è la stanza di Dante, la quale, si dice, abbia accolto il poeta per un periodo di soggiorno.

Dopo una salita e una discesa, si giunge a Castelpoggio. Da qui si prosegue in discesa per circa 6 km fino a Carrara. Una volta arrivati, si svolta a destra al semaforo e poi subito a sinistra verso il centro.

Al secondo semaforo si va ancora a destra e poi subito a sinistra fino in fondo.
La viabilità ci obbliga adesso a svoltare a sinistra e poi a destra, seguendo l'indicazione per Massa. Ci aspetta la breve ma impegnativa salita “la foce”.

La discesa per Massa è di 4 km. A questo punto merita visitare il castello Malaspina di Massa, già presente intorno al 1000; la struttura, posta in posizione strategica, è stato contesa da Lucca, Firenze, Pisa e dai Visconti di Milano.

Da segnalare, inoltre, la Cattedrale dei Santi Pietro e Francesco, Piazza Mercurio, il cui nome deriva dalla statua del dio Mercurio che sovrasta la fontana e Piazza Aranci, circondata su tre lati da aranci selvatici e sul quarto dal palazzo ducale.

Dopo il ponte, al secondo semaforo, si svolta a destra e, quindi, al successivo semaforo, a sinistra per Pisa.

Giunti sulla Via Aurelia, si procede fino al semaforo dopo la stazione ferroviaria di Querceta, dove si svolta a destra e si prosegue sempre dritto, fino a raggiungere il nostro punto di partenza.

Itinerary 4

 

Pier of Forte dei Marmi – Sarzana – Fosdinovo – Massa – Carrara

Starting from the pier of Forte dei Marmi take the bike path in north direction up to Cinquale and continue up to the centre of Marina di Massa.

Overstep the centre and turn right at the roundabout. Go on up to the other roundabout and turn to the left.

After Bondano and Partaccia continue on the main street and arrive to a crossroad. Stay on the left lane and continue up to Marina di Carrara; after about 1 km cross the centre of Marinella di Sarzana and at the roundabout take the first exit up to Sarzana city centre, 7 km of length.

At the two roundabout follow the indications to the centre.

Before entering in Sarzana turn right and follow the indications to Fosdinovo. Go on through a slight rise street of 2,8 km length up to a crossroad; both streets go to Carrara but the street to Canepari is easier.

Take the rise on the left up to Carignano, 4 km length, and continue up to Canepari for 2 km length.

Keep the street to Fosdinovo and before arriving to Fosdinovo turn left in direction Carrara – Massa.

Fosdinovo is famous for the Castle Malaspina. The castle was built in the thirteenth century and nowadays is a museum and cultural centre for the contemporary art promotion; it could be also residence for artists and writers. Crossing the wonderful renaissance portico, it is possible to access to castle halls, characterized  by nineteenth century décors and frescos. The most important hall is the Dante's chamber, room where the poet stayed for many time.

From the Castle, after a rise and a descend, the street arrives to Castelpoggio. Go on for about 6 km up to centre of Carrara.

Follow the indications to arrive to Massa, passing through an hard rise street, “la Foce”, and descend for 4 km up to the city centre.

In Massa you could see the Castle Malaspina, a fortress built in the eleventh century, which was object of a dispute between Lucca, Florence, Pise and the Visconti Family of Milan.

It is also possible to visit the Cathedral of SS Pietro and Francesco, Piazza Mercurio, with the statue   of the divinity on top of the obelisk, Piazza Aranci, which is surrounded by wild orange trees, and the Ducal Palace.

To come back, when you arrive to Via Aurelia continue in south direction up to Querceta. After the railway station, in Querceta, turn right at the first traffic light and go ahead up to the Forte dei Marmi city centre.

Foto_3.png

 

Castello Malaspina di Massa

 

Itinerario 5

Pontile – Lerici e Montemarcello

L’itinerario segue nella sua prima parte il percorso n.4 fino a Marinella di Sarzana.

Giunti alla rotonda, si segue la costa verso Fiumaretta e La Spezia e quindi si va verso sinistra.

Passato il ponte sul fiume Magra, si può ammirare il bel borgo di Ameglia.

L’itinerario prosegue lungo la strada principale in direzione Lerici e La Spezia.

Attraversata la frazione Senato e giunti a Romito Magra, alla rotonda si svolta a sinistra seguendo l'indicazione per Lerici, che sarà raggiunta dopo 4 km di leggera salita.

Quindi alla rotonda si gira a sinistra per Tellaro e dopo circa 500 m ancora a sinistra per Montemarcello.

Alla nostra destra si apre il golfo di La Spezia.

Nonostante la salita impegnativa è consigliabile proseguire per 700 m fino alla località La Serra: da questo punto la vista panoramica è strepitosa.

Ancora 5 km di saliscendi sulla strada che si snoda lungo la costa: un'occasione per ammirare di volta in volta nuovi angoli di mare.

Giunti a Zanego, mancano ancora 3 km per Montemarcello, da cui seguiremo per la via del ritorno l'indicazione per Bocca di Magra.

Da qui si procede verso sud, attraversando Fiumaretta, Marinella di Sarzana, Marina di Carrara e Marina di Massa, per tornare a Forte dei Marmi

ITINERARY 5

PIER OF FORTE DEI MARMI- LERICI AND MONTEMARCELLO

From the pier of Forte dei Marmi, take the bike path towards Cinquale till the centre of Marina di Massa. At the roundabout turn right; at the next roundabout turn left. Go past Bondano and Partaccia and go straight on the main street. At the crossroad, keep the left and go on till Marina di Carrara , then go towards La Spezia and reach Marinella di Sarzana.

At the roundabout in Marinella, keep the left and go on towards Fiumaretta. Go over the bridge of river Magra and have a look at the historic village Ameglia. Follow the main street towards Lerici; go past Senato di Lerici and reach Romito Magra. At the roundabout turn left and look for the road signs to Lerici. At the roundabout in Lerici, turn left towards Tellaro and Montemarcello and, after 500 mt, turn left towards Montemarcello.

On your right, enjoy a wonderful view of the Gulf of La Spezia, known also as Gulf of Poets.

After a hard rise, you reach Sierra di Lerici ; from here the view is really breathtaking!

The route stretches for about 5 km of slopes and rises and it offers picturesque views.

In Zanego, go on to Montemarcello (3 km far).

To come back to Forte dei Marmi, follow the road signs to Bocca di Magra; go through Fiumaretta, Marinella di Sarzana, Marina di Carrara and Marina di Massa to reach Forte dei Marmi.

Foto_1.jpg

 

Castello di San Giorgio, Lerici. 

Foto_2.png

 

 Piazza centrale, Lerici. 

Foto_4.png

 

 Spiaggia di Punta Corvo.

 

 

Itinerario 6

Pontile – Arni - Massa

Partendo dal Pontile, si procede verso Marina di Massa, sul Viale Italico, fino all'incrocio con Via Michelangelo Buonarroti , dove si svolta a destra e poi si prosegue a dritto.

Alla rotonda con Via Emilia, si prende la seconda uscita a destra, si sale sul cavalcavia dell'autostrada e si procede su Via Alpi Apuane, sormontando il ponte sul fiume Versilia.

Mantenendosi sulla strada principale, si oltrepassano Querceta e Ripa.

Percorrendo la SP9 e Via Esterna, si costeggia il fiume Versilia in direzione Seravezza.

Giunti al bivio con Via G. Marconi, si svolta a destra e si percorre il ponte sul fiume.

Ci si mantiene su Via Marconi e si imbocca Via del Palazzo, costeggiando il bellissimo Palazzo Mediceo di Seravezza.

A questo punto ci si immette sulla Strada Provinciale 9 e si attraversano le località Zarra, Ruosina e Iacco.

Si prosegue la salita, fra continui tornanti, sulla Via di Arni, mentre a destra si possono segnalare Retignano, frazione di Stazzema a circa 430 sul livello del mare e Levigliani, sede del famoso Antro del Corchia (53 km di grotte e pozzi, considerato il più vasto complesso carsico sotterraneo nazionale) e sulla sinistra, invece, Terrinca, considerato il paese più antico della Versilia.

Dopo pochi km si raggiunge la galleria del Cipollaio. Prima di attraversarla, merita concedersi una sosta per ammirare l'emozionante panorama della costa che si apre innanzi a noi.
Percorsa la galleria, lunga 1,2 km e scarsamente illuminata, ha inizio la discesa.

Dopo un km, al bivio si svolta a sinistra, seguendo l'indicazione per Massa e giunti all'incrocio con la Strada Provinciale 13, si va a sinistra per imboccarla.

Superata la località Campagrina si procedere fino ad Arni, paese circondato dalle cime delle Alpi Apuane e dalle bianche cave di marmo.

La prossima meta dell'itinerario è Massa.

Poco dopo essere usciti da Arni, si imbocca la Galleria del Vestito, lunga e poco illuminata, al termine della quale è possibile fermarsi a visitare l’orto botanico “Pietro Pellegrini” che raccoglie le principali varietà di fiori e piante delle Apuane.

Sulla via del ritorno, si trova, immersa nel silenzio, Antona.

Giunti a Massa, si seguono le indicazioni per il viale a mare, percorrendo Viale Roma, ed imboccato il Lungomare di Levante, superando Marina di Massa e Montignoso, si raggiunge infine Forte dei Marmi.

ITINERARY 6

FORTE DEI MARMI – ARNI – MASSA

From the pier of Forte dei marmi take Viale Italico (direction of Marina di Massa). At the crossroad turn right and go straight. At the roundabout in Via Emilia, take the second exit, go over the flyover and then over the bridge of river Versilia.

Go past Querceta and Ripa. Go straight along SP9 and via Esterna, which runs along river Versilia, in direction of Seravezza.

At the crossroad with Via Marconi turn right and go over the bridge: Follow the main street Via Marconi and take Via del Palazzo. Here you meet the gorgeous Medicean Palace, built between 1561 and 1565 by Cosimo I.

Then take SP9, pass Zarra , Ruosina and Iacco. Go along Via Arni; on the right you find Retignano and Levigliani. Here there is the famous Antro del Corchia, the national largest carsic cave. On the left you see Terrinca, the most ancient village of Versilia.

After a few kilometres, you reach the Cipollaio Tunnel; have a look at the wonderful landscape!

Go through the tunnel and start the descent towards Massa. At the crossroad with SP 13, turn left, go past Campagrina and go on to Arni, a village nestled in the Apuan Alps with its marble quarries.

After Arni, go through the tunnel “Passo del Vestito”, rather long and scarcely lighted. You find the botanic garden “Pietro Pellegrini”, which gathers a lot of species of local endemic flowers and plants.

When you arrive in Massa, follow the road signs to the seaside, go past Marina di Massa and Montignoso and reach Forte dei Marmi.

 Cave, Alpi Apuane.