A FORTE DEI MARMI DAL 10 AL 14 OTTOBRE PROSSIMI “UN MARE DI SALUTE, UN MARE IN SALUTE”. IL FORUM INTERNAZIONALE DEL MARE E DELLE COSTE, DAL 10 AL 12 SARA' IL FULCRO E IL CATALIZZATORE DELLA MANIFESTAZIONE DEDICATA ALLO STUDIO E ALLA TUTELA DELL'AMBIENTE

A FORTE DEI MARMI DAL 10 AL 14 OTTOBRE PROSSIMI

UN MARE DI SALUTE, UN MARE IN SALUTE”.

IL FORUM INTERNAZIONALE DEL MARE E DELLE COSTE, DAL 10 AL 12 SARA' IL FULCRO E IL CATALIZZATORE DELLA MANIFESTAZIONE DEDICATA ALLO STUDIO E ALLA TUTELA DELL'AMBIENTE MARINO CHE SI CONCLUDERA' CON LA GRANDE FESTA, IL 14 OTTOBRE, DEDICATA AL MONDO ASSOCIATIVO.

ALTRI APPUNTAMENTI IN PROGRAMMA RIVOLTI AL BENESSERE E SALUTE DELLA PERSONA.

Il Forum Internazionale del Mare e delle Coste, sarà l'evento clou della manifestazione “Un mare di salute, un mare in salute” in programma a Forte dei Marmi dal 10 al 14 ottobre del 2018. Il Forum che si terrà a Villa Bertelli dal 10 al 12 ottobre vedrà la partecipazione di studiosi provenienti da università europee, extra-europee ed italiane, oltre a quella di istituzioni ed enti preposti a vario titolo alla tutela e della gestione dei sistemi costieri (Ministero dell’Ambiente, Regioni, Enti di Ricerca tra cui ENEA, CNR, ISPRA, e di altre istituzioni quali Autorità di Bacino, Autorità Portuali, Comuni).

Obiettivo del Forum è quello di promuovere riflessioni scientifiche, tecniche, organizzative e gestionali ad ampio raggio sui sistemi costieri con particolare attenzione al sistema sabbioso compreso tra Livorno e la foce del fiume Magra. L'evento tratterà numerosi temi quali la morfo-dinamica costiera, quelli collegati alla ridistribuzione dei sedimenti, ai fenomeni erosivi e al tema sempre più attuale del pericolo della sommersione delle coste prodotto dai cambiamenti climatici.

Il successo del Forum è collegato a una formula organizzativa concepita per far dialogare in modo aperto e costruttivo alcuni tra i massimi esperti mondiali con esperti nazionali, i rappresentanti di istituzioni e di enti, ma anche i portatori di interesse e i cittadini del comprensorio turistico balneare Apuo-Versiliese. Pur essendo il Forum un evento che tratta tematiche scientifiche, il linguaggio delle presentazioni e le occasioni di incontro e scambio sono concepiti per favorire lo scambio e l’interazione anche con i non specialisti. Tra i partecipanti all’evento figurano infatti non solo accademici, ma anche membri di amministrazioni pubbliche, portatori di interesse dell’economia turistico-balneare del comprensorio e semplici privati cittadini.

La volontà degli organizzatori per l’edizione del 2018, e ancor di più per l’edizione del 2020, è quella di avere una massiccia partecipazione delle istituzioni e delle società pubbliche e private che a vario titolo operano sulle problematiche costiere, da un punto di vista ambientale, dell’acquisizione dati e di quello operativo per la gestione del sistema costiero. A partire dal 2020 il Forum punta all'allestimento di spazi espositivi per le imprese, le istituzioni e gli enti in modo tale che l’evento si arricchisca di ulteriori elementi utili a favorire lo scambio tra partecipanti e imprese.

Con questa strategia di crescita, il Forum di Forte dei Marmi punta ad assumere il ruolo di riferimento di scala nazionale con collegamenti a realtà internazionali sia per la parte scientifica sia per quella politica e gestionale dei sistemi costieri a vocazione turistica e anche a diventare una voce unica e coordinata per formulare strategie condivise di gestione della costa Apuo-Versiliese pienamente rispondenti alle aspettative del territorio. In tal senso l'Amministrazione Murzi, in primis nella persona dell'assessore Enrico Ghiselli e con la preziosa collaborazione del professor Mauro Rosi, mira ad un'effettiva integrazione tra la visione tecnico-scientifica e quella politico-decisionale, che porti ad un'assunzione di responsabilità da parte delle autorità competenti. A questa, nelle intenzioni dell'Amministrazione, dovrà necessariamente – e finalmente - seguire l'adozione di politiche coerenti ed incisive, a difesa dell'ambiente e dell'economia del mare, con azioni di intervento, laddove richiesto, e di prevenzione nei luoghi che, in futuro, potrebbero essere afflitti dalle problematiche oggetto degli incontri previsti nel corso del Forum.