12 giugno 2022 Referendum ed Elezioni per il rinnovo del Sindaco e del Consiglio Comunale

Avvisi alla cittadinanza

Pubblicato il 10 Giugno 2022

Quando si vota

Si vota nella sola giornata di domenica 12 giugno 2022 dalle ore 7:00 alle ore 23:00

PER COSA SI VOTA

Referendum

per abrogare o mantenere in vigore i testi di legge relativi a:

1. Incandidabilità dopo la condanna – il referendum chiede di abrogare la parte della Legge Severino che prevede l’incandidabilità, l’ineleggibilità e la decadenza automatica per parlamentari, membri del governo, consiglieri regionali, sindaci e amministratori locali nel caso di condanna per reati gravi.

2. Separazione delle carriere – Questo quesito del referendum chiede lo stop delle cosiddette “porte girevoli”, impedendo al magistrato durante la sua carriera la possibilità di passare dal ruolo di giudice (che appunto giudica in un procedimento) a quello di pubblico ministero (coordina le indagini e sostiene la parte accusatoria) e viceversa.

3. Riforma Consiglio Superiore della Magistratura – si chiede che non ci sia più l’obbligo di un magistrato di raccogliere da 25 a 50 firme per presentare la propria candidatura al Consiglio Superiore della Magistratura.

4. Custodia cautelare durante le indagini – si chiede di togliere la “reiterazione del reato” dai motivi per cui i giudici possono disporre la custodia cautelare in carcere o i domiciliari per una persona durante le indagini e quindi prima del processo.

5. Valutazione degli avvocati sui magistrati – il quesito chiede che gli avvocati, parte di Consigli giudiziari, possano votare in merito alla valutazione dell’operato dei magistrati e della loro professionalità.

Elezioni Sindaco e Consiglieri Comunali.

Quante preferenze alla carica di consigliere comunale può esprimere l’elettore?

L’elettore può esprimere uno o due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale compresi nella lista votata. Nel caso di espressione di due preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile, pena la nullità della seconda preferenza espressa.


torna all'inizio del contenuto
Skip to content