LE CERIMONIE DI COMMEMORAZIONE DEI PILOTI STEFANO BANDINI E CLAUDIO ROSSETI- I Comuni di Forte dei Marmi e di Seravezza uniti nel ricordo dei due giovani.

Comunicati Stampa

Pubblicato il 16 Marzo 2024

CERIMONIA DI COMMEMORAZIONE 2024

16 March 2024

Si rinnovano anche quest’anno, il 18 marzo, il ricordo e la gratitudine dei Comuni di Forte dei Marmi e di Seravezza per il sacrificio dei comandanti piloti Stefano Bandini e Claudio Rosseti, precipitati a bordo di un Canadair durante le operazioni di spegnimento di un incendio sulle colline di Ripa. Era il 18 marzo del 2005 quando il velivolo urtò contro dei cavi dell’alta tensione che fecero incendiare il mezzo. Iniziò così il disperato tentativo di raggiungere la spiaggia, in modo da scongiurare gravi rischi per la popolazione. A pochi metri dal mare, a Vittoria Apuana, nella consapevolezza che non avrebbero raggiunto quella meta di salvezza, i due giovani pilotarono il Canadair in un fazzoletto di terra, sacrificando la loro vita ma risparmiando quella di tante potenziali vittime, anche in considerazione che a pochi metri dal luogo dello schianto sorge la Casa di cura San Camillo.

Gli anni non hanno offuscato il ricordo del sacrificio di Stefano Bandini, 38 anni di Teramo, e di Claudio Rosseti, 44 anni, di Siena, che saranno ricordati lunedì nel corso di due cerimonie.

La prima è in programma in municipio a Seravezza, alle ore 10.30, con una commemorazione presso il cippo al primo piano del palazzo, dove sono stati recentemente trasferiti gli attestati delle medaglie d’oro al valor civile conferite ai due piloti-eroi e la scultura di Franz Sartori, donata dal critico d’arte Lodovico Gierut.

Il secondo appuntamento è in programma alle ore 11.30, in piazza Henry Moore a Vittoria Apuana dove un monumento ricorda il loro sacrificio. È qui che le due amministrazioni comunali, alla presenza di forze dell’ordine e associazioni di protezione civile e di volontariato, deporranno una corona per mantenere vivo il ricordo di Stefano e Claudio, abbracciare i familiari e  rivolgere un sentimento di gratitudine a tutte quelle donne e uomini quotidianamente impegnati a tutelare la collettività.

“I Comuni di Forte dei Marmi e di Seravezza – spiegano Michele Pellegrini e Marco Pellegrini, presidenti dei rispettivi consigli comunali – desiderano rinnovare ogni anno questa commemorazione. Sono trascorsi 19 anni da quel gravissimo incidente che costò la vita a questi due giovani e in Versilia tutti manteniamo vivo il ricordo di quella drammatica giornata che ha segnato profondamente le nostre comunità. Un sacrificio immane dinanzi al quale vogliamo rinnovare il nostro ricordo e la gratitudine, auspicando che diventi anche un monito ai comportamenti di ognuno, tanto più che i cambiamenti climatici in atto, con lunghi periodi di siccità, richiedono  sempre più attenzione. Siamo certi che l’impegno morale a conservare vivo il ricordo di questi piloti, come di altri loro colleghi drammaticamente caduti in servizio, potrà tradursi in una crescente consapevolezza e senso di responsabilità, di rispetto delle regole e di amore per un territorio che Stefano e Claudio erano stati chiamati a difendere dalle fiamme”.


Ultimi articoli

Scuole di Forte dei Marmi al via dal 1 agosto le domande per i Servizi scolastici

Avvisi alla cittadinanza Pubblicato il20 Luglio 2024

L’Amministrazione Comunale attiverà anche per l’anno scolastico 2024/2025 i servizi integrati con finalità educativa, per permettere ai genitori la conciliazione fra il lavoro e la cura dei figli.

Commemorazione Strage di Via D’ Amelio

Avvisi alla cittadinanza Pubblicato il18 Luglio 2024

Venerdì 19 Luglio 2024 alle ore 9.00 Commemorazione Strage di Via D’ Amelio in Via Spinetti (Pineta Falcone e Borsellino) Forte dei Marmi, a trentadue anni dalla Strage di Via D’Amelio, ricorderà il sacrificio degli uomini e donne valorosi che persero la vita, il giudice Paolo Borsellino e i cinque agenti della sua scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina Davanti al cippo dedicato a Falcone e Borsellino, magistrati simbolo della lotta alla mafia, si terrà, organizzata dalla presidenza del Consiglio Comunale, la cerimonia con la deposizione di una corona di fiori, aperta alla cittadinanza in cui parteciperanno autorità civili e religiose.

torna all'inizio del contenuto